ANEC

CONVEGNO ANEC: IL DOCUMENTO CONDIVISO DALLE ASSOCIAZIONI

20/04/2015

 

CONVEGNO ANEC: “Sala cinema, Produzione, Creatività tra Sostegno e Rilancio”

Roma, 16-17 aprile 2015

  Documento condiviso


Il mercato cinematografico italiano in sala oscilla da anni attorno alla soglia dei 100 milioni di spettatori senza riuscire a trovare lo slancio per ambire a ben più rilevanti risultati.

Partendo da tale oggettivo dato di mercato, l’ANEC ha inteso avviare con l’odierno Convegno un confronto costruttivo con Produttori, Distributori, Autori e con le Istituzioni, per riflettere sul rilancio del mercato sala, sul futuro del cinema in sala e sulla produzione nazionale.

L’ANEC e le Associazioni di settore intervenute al convegno – ANICA, ANEM, AGPCI, 100Autori, ANAC, ACEC, FICE – hanno condiviso i principi contenuti nel documento propositivo presentato dalla stessa ANEC alla Direzione Generale per il Cinema in vista dell’annunciata riforma del settore.

Le prioritarie linee di azione condivise tra le Associazioni e le categorie del cinema italiano sono:

* Tutelare il sistema sala, componente economica essenziale dell’industria cinematografica, favorendone lo sviluppo per un’offerta omogenea e capillare.

* Riconoscere il ruolo socioculturale dello spettacolo in sala, promuovendo l'inserimento dell'educazione all'immagine tra le attività dell'offerta formativa scolastica e coordinando le attività rivolte alla formazione del pubblico, in particolare giovane.

* Potenziare la comunicazione della cultura cinematografica, adottando iniziative e campagne che ne assicurino la più ampia diffusione, anche attraverso il servizio pubblico radiotelevisivo.

* Prevedere misure dirette a recuperare redditività all’economia delle sale che portino a soluzione alcune criticità che sono causa dell’attuale stagnante situazione di mercato, in particolare:

a) eliminare le distorsioni del mercato distributivo mediante specifiche norme di tutela della concorrenza e del mercato;

b) promuovere una equilibrata ed adeguata offerta di prodotto, che superi l’attuale carenza nei mesi estivi, attraverso mirati ed efficaci incentivi;

c) potenziamento della distribuzione in sala di film di qualità, con particolare riguardo ai film italiani ed europei, attraverso nuovi meccanismi di sostegno e garantendo adeguate risorse per tale finalità;

d) favorire la pratica della multiprogrammazione, anche in funzione di una adeguata diffusione dell’offerta culturale sul territorio.

* Assicurare efficaci interventi di sostegno, con adeguata copertura economica, che consentano il rilancio degli investimenti nel settore sia per il costante aggiornamento del parco sale esistente che per la creazione di nuovi insediamenti.

* Nel riordino dei tributi locali, considerare la bassa redditività a mq. delle sale di spettacolo.

 

Roma, 16 aprile 2015 

I materiali del convegno nella sezione "Attività" di questo sito