ANEC

CANNES: "LE MERAVIGLIE" GRAND PRIX. "WINTER SLEEP" PALMA D'ORO

24/05/2014

A due anni dal Grand Prix a Matteo Garrone per "Reality", nuova affermazione del cinema italiano a Cannes, con lo stesso premio (il secondo per importanza dopo la Palma d'Oro) assegnato dalla Giuria capitanata da Jane Campion (nessun italiano tra i componenti) ad Alice Rohrwacher e alla sua opera seconda, LE MERAVIGLIE. La Palma d'Oro è stata assegnata al turco Nuri Bilge Ceylan per WINTER SLEEP, che ha convinto tutta la critica. Premio per la migliore regia a Bennett Miller per FOXCATCHER, migliore sceneggiatura LEVIATHAN del russo Andrey Zvyagintsev, Premio della Giuria ex aequo al più giovane e al più anziano dei registi in gara, entrambi sorprendenti e innovativi: Xavier Dolan (25 anni) per MOMMY, Jean-Luc Godard (84) per ADIEU AU LANGUAGE. Premiati per le interpretazioni Julianne Moore (MAPS TO THE STARS di David Cronenberg) e Thimothy Spall (MR. TURNER di Mike Leigh).Nelle altre sezioni, UN CERTAIN REGARD è stato vinto dall'ungherese Kornel Mundruczo con WHITE GOD (menzione speciale TURIST di Ruben Ostlund); la SETTIMANA DELLA CRITICA dall'ucraino Myroslav Slaboshpytskiy con THE TRIBE. La QUINZAINE DES REALISATEURS, sezione non competitiva, ha visto assegnati unanimemente i premi delle giurie CICAE, EUROPA CINEMAS e SACD al francese Thomas Cailley per LES COMBATTENTS.