ANEC

"IL CAPITALE UMANO" DI VIRZI' FILM PIU' PREMIATO DEL BIF&ST DI BARI

12/04/2014

Sono stati assegnati da nove tra i più illustri esponenti del Sindacato Critici Cinematografici i premi della sezione ItaliaFilmFest del V Bif&st di Bari, diretto da Felice Laudadio. Potrebbero costituire un buon punto di partenza per gli ormai imminenti David di Donatello, le cui cinquine saranno rese note ai primi di maggio, soprattutto per identificare gli sfidanti de “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino.
Il film più premiato, tra quelli usciti nella corrente stagione, è IL CAPITALE UMANO di Paolo Virzì: miglior regista Virzì, migliore attore Fabrizio Gifuni; migliori sceneggiatori Bruni, Piccolo e lo stesso Virzì, migliore attrice non protagonista Matilde Gioli e miglior montatrice Cecilia Zanuso. Premiato anche COME IL VENTO di Marco Simon Puccioni: migliore attrice Valeria Golino, miglior direttore della fotografia Gherardo Gossi. La commedia dei fratelli Manetti SONG ‘E NAPULE, di prossima uscita, ha portato a casa i premi per il miglior attore non protagonista Carlo Buccirosso e per i musicisti Pivio e Aldo De Scalzi. Miglior produttore Gianluca Arcopinto, per il documentario di Vincenzo Marra L'AMMINISTRATORE e per LA MIA CLASSE di Daniele Gaglianone. Piazzamento anche per IL VENDITORE DI MEDICINE di Antonio Morabito, premiato per il miglior soggetto (dello stesso Morabito); per L’INTREPIDO di Gianni Amelio (premio alla scenografia di Giancarlo Basili) e per ANNI FELICI di Daniele Luchetti (premiata la costumista Maria Rita Barbera).

Nella sezione “Panorama Internazionale”, premio della giuria popolare, presieduta dal regista e sceneggiatore Francesco Bruni, a TANGERINES (Mandarini) di Zaza Urushadze, che racconta (così la motivazione) “in maniera semplice ma raffinata l’insensatezza della guerra, specie quando essa contrappone persone che hanno la stessa faccia, parlano la stessa lingua e faticano persino a riconoscersi come nemici”.