ANEC

PUBBLICATO IL DPCM 13 OTTOBRE SUI NUOVI PROTOCOLLI ANTI-COVID

si allega il DPCM 13 ottobre 2020 firmato nella notte. Siamo ancora in attesa della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Per quanto concerne il settore cinematografico:
- rimane il limite dei 200 posti per ciascuna sala, con possibilità di deroghe da parte delle regioni e non si alterano con il DPCM le ordinanze regionali già in essere;
- si inibiscono le attività didattiche fuori sede.

Restiamo in attesa della pubblicazione per eventuali ulteriori dettagli che potrebbero essere contenuti negli allegati di cui al momento non si ha completa evidenza.

*** ** ***

il DPCM 13 ottobre 2020 definisce i nuovi protocolli da seguire dal 14 ottobre 2020 al 13 novembre 2020.

Di seguito i punti salienti riguardanti le sale cinematografiche:     

Art. 1 comma m): gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all'aperto sono svolti con posti a sedere preassegnati e distanziati e a condizione che sia comunque assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per il personale, sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, con il numero massimo di 1000 spettatori per spettacoli all'aperto e di 200 spettatori per spettacoli in luoghi chiusi, per ogni singola sala. Le attività devono svolgersi nel rispetto dei contenuti di protocolli o linee guida idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento o in ambiti analoghi, adottati dalle Regioni o dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome nel rispetto dei principi contenuti nei protocolli o nelle linee guida nazionali e comunque in coerenza con i criteri di cui all'allegato 10. Restano sospesi gli eventi che implichino assembramenti in spazi chiusi o all'aperto quando non è possibile assicurare il rispetto delle condizioni di cui alla presente lettera. Le regioni e le province autonome, in relazione all’andamento della situazione epidemiologica nei propri territori, possono stabilire, d’intesa con il Ministro della salute, un diverso numero massimo di spettatori in considerazione delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi; con riferimento al numero massimo di spettatori per gli spettacoli non all’aperto in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche o altri luoghi chiusi, sono in ogni caso fatte salve le ordinanze già adottate dalle regioni e dalle province autonome.

Art. 1 comma s): sono sospesi i viaggi d'istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche comunque denominate, programmate dalle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, fatte salve le attività inerenti i percorsi per le competenze trasversali e per l'orientamento, nonché le attività di tirocinio di cui al decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca 10 settembre 2010, n. 249, da svolgersi nei casi in cui sia possibile garantire il rispetto delle prescrizioni sanitarie e di sicurezza vigenti;

 Il citato allegato 10 del comma m) si riferisce ai “Criteri per Protocolli di settore elaborati dal Comitato tecnico-scientifico in data 15 maggio 2020”, linee guida generiche che invitano ad alcuni accorgimenti nell’emanazione delle misure da adottare per ogni singola attività merceologica.

Documenti

In evidenza