ANEC

ANEC, DISAPPROVAZIONE PER IL SECONDO DECRETO DEROGHE

05/11/2020

 “Con sorpresa e stupore si apprende la pubblicazione a firma del Ministro Franceschini di un nuovo decreto deroghe che permette ai produttori di approdare direttamente sulle piattaforme con i film finanziati con soldi pubblici senza dover passare dalla sala cinematografica”, afferma in una nota l’ANEC. “Il nuovo provvedimento, che segue l’analogo emanato in primavera per agevolare le produzioni nazionali, consente ai film già pronti di mantenere i contributi previsti dalla Legge Cinema andando direttamente in piattaforma”.

Il passo falso compiuto in estate ha già evidenziato come le sale cinematografiche possano ripartire soltanto con il prodotto nazionale ma se questo viene dirottato sulle OTT saltando completamente il passaggio in sala, allora si decreta la chiusura definitiva di un comparto già compromesso. “Se le sale dovessero riaprire nella prima metà di dicembre, non ci sarebbero film pronti per essere programmati e ci troveremmo davanti al paradosso di poter aprire ma dover stare chiusi per mancanza di prodotto”, prosegue l’ANEC.

“Abbiamo già chiesto chiarimenti al Mibact in merito perché, se da una parte prendiamo atto delle misure che vengono prese a sostegno dell’esercizio, dall’altro deve essere evidente a tutti come questo decreto affossi il comparto. Chiediamo misure immediate che definiscano un ristoro vero e temporalmente più lungo in considerazione di come questa scelta metta a rischio il mercato in sala nel medio periodo e nelle settimane delle festività, tradizionalmente di picco del consumo in sala. La sopravvivenza del settore e la salvaguardia delle sale non può più essere affidata a regole mutevoli e interventi economici non sufficienti al drammatico momento che il paese attraversa”.         

Il testo del DM a questo link: http://www.anecweb.it/scheda.php/1168,32163