ANEC

SPIKE LEE PRESIDENTE DI GIURIA A CANNES

14/01/2020

Il regista e attivista afroamericano Spike Lee è stato nominato Presidente di giuria del 73° festival di Cannes, in programma dal 12 al 23 maggio 2020.

Il regista ha un rapporto di lunga data con Cannes, che nel 1980 proiettò l'opera prima "Lola darling" e poi, in concorso, "Fà la cosa giusta". In concorso è stata presentata, nel 2018, anche la sua più recente regia, "BlackKklansman", vincendo il Grand Prix. "Si può dire che Cannes abbia cambiato la traiettoria di cosa sono diventato nel cinema internazionale", ha dichiarato Lee, che nel 2004 è stato membro della Giuria a Venezia 61.

Il Presidente del Festival Pierre Lescure e il direttore artistico Thierry Frémaux hanno sottolineato che "la prospettiva di Spike Lee è più valida che mai. Il festival è la casa e la cassa di risonanza mondiale di tutti coloro che (ri)svegliano le menti e rimettono in discussione idee e convinzioni".

La selezione ufficiale sarà resa nota a metà aprile. Lo scorso anno, la giuria presieduta da A. Gonzalez Inarritu ha assegnato la Palma d'oro a "Parasite", adesso candidato a 6 Oscar. Altri film di Cannes 2019 candidati all'Oscar nelle varie categorie sono "C'era una volta a Hollywood", "Dolor y gloria", "I miserabili", "Alla mia piccola Sama", per un totale di 20 candidature.