ANEC

L'UNIC PRESENTA IL RAPPORTO "INNOVAZIONE E GRANDE SCHERMO"

09/02/2017

Nel nuovo rapporto denominato Innovazione e Grande Schermo, l’Unione Internazionale dei Cinema (UNIC) evidenzia che il settore dell’esercizio ha sposato la tecnologia più avanzata perseguendo il coinvolgimento creativo del pubblico, l’esperienza del grande schermo e l’innovazione sociale. “La crescita del pubblico e i risultati degli ultimi anni dimostrano chiaramente che la frequentazione in Europa è un’esperienza sempre più coinvolgente, diversificata e immersiva”, afferma il presidente UNIC Phil Clapp. Nel 2015, i 26 territori UNIC hanno visto gli spettatori crescere del 6% e gli incassi al botteghino del 12,5%. Il cinema è sempre più un’esperienza unica, eccezionale e digitalmente connessa; il nostro settore può competere fiduciosamente con la miriade di opzioni di intrattenimento on line oggi disponibili per i consumatori. Le modifiche delle abitudini di consumo e delle caratteristiche demografiche del pubblico offrono ai cinema enormi possibilità di adottare modalità più innovative e personali nel rapportarsi agli amanti del grande schermo. Piuttosto che nel foyer del cinema, l’avventura del cinema comincia giorni o anche settimane prima, spesso su uno smartphone o un tablet. La ricerca conferma che l’80% circa degli europei guarda i trailer on line. Il carattere di evento della frequentazione al cinema è accentuato, ad esempio, dalle proiezioni per adolescenti o dalle serate per signore.

Per una miglior conoscenza della clientela, i cinema di tutta Europa stanno sviluppando una quantità di programmi di analisi dei dati. La piattaforma cloud Showtime Analytics aiuta gli utenti a comprendere le preferenze del consumatore aggregando i dati provenienti da programmi fedeltà, vendita di biglietti e concession, app mobile e social media. Le risultanze sono impiegate per ottimizzare le programmazioni e le campagne marketing. Nel frattempo, la società berlinese Smart Pricer applica strategie di prezzo dall’industria dell’aviazione al settore dell’intrattenimento, e sta attualmente testando il suo software di prezzo dinamico con diversi circuiti. Il software consente alle sale di aumentare i ricavi utilizzando i dati per adattare dinamicamente i prezzi alla domanda. Inoltre, la Realtà Virtuale può ulteriormente potenziare l’esperienza del cinema: Odeon & Uci Cinemas aprirà un centro VR a Manchester, che consente di accompagnare le maggiori uscite delle Major con contenuti VR. Per l’uscita de La leggenda di Tarzan, la londinese Powster si è alleata con Warner Bros per offrire al pubblico una “giungla 3D” con video a 360° in VR. Michael Bay sta lavorando sul VR per promuovere il nuovo Transformer: The last knight, in uscita a giugno.

Secondo la ricerca, il pubblico concorda sul fatto che nulla è meglio dell’esperienza di grandi film sul grande schermo con amici e parenti. Poiché gli esercenti continuano a sperimentare una vasta gamma di innovazioni e soluzioni creative come immersive sound, high dynamic range, event cinema, l’illuminazione laser e le gare dei videogiochi, il “cinema di domani” può avere molte sfaccettature. “Mentre i governi e l’industria in tutta Europa esaminano come rilanciare al meglio il cinema europeo, devono allo stesso modo mettere la sala al centro dell’attenzione”, riassume Clapp. “Ciò vale in particolare per Commissione Europea e Parlamento Europeo, che stanno rivedendo una serie di normative che plasmeranno in modo significativo il futuro della nostra industria”. 

Documenti